Il Calcolo dei Punti della Sfida

Come vengono calcolati i punti che per ogni gara vengono attribuiti agli atleti?

Sono stabilite due categorie: donne e uomini.
Su questa base viene calcolato quale sarà il punteggio massimo possibile per la prima atleta donna e il primo atleta uomo e di conseguenza tutti gli altri a scalare.

Per questo primo anno abbiamo deciso di affidarci all’attuale classificazione ITRA (International Trail Running Association) dei trail che assegna un punteggio alla gara mettendo in relazione la distanza con il dislivello positivo della stessa. A ogni punteggio ITRA abbiamo abbinato il punti gara massimi.

In pratica si calcola il “KM/D+” sommando i chilometri della gara al dislivello positivo diviso per 100.
Per esempio, se prendiamo una gara di 45 km con un dislivello positivo di 2200m, otteniamo 45 + (2200/100), ovvero 45 + 22. Il risultato è 67.

Una volta ottenuto questo numero, si applica la seguente tabella:

KM/D+ PUNTI ITRA PUNTI
0-24 0 0
25-44 1 100
45-74 2 150
75-114 3 200
115-154 4 250
155-209 5 300
>210 6 350

La nostra gara di esempio avrà 2 punti ITRA, quindi  verranno assegnati 150 punti alla prima donna e al primo uomo classificato. A scalare tutti gli altri.

Inoltre, per premiare oltre alla velocità anche la presenza alle varie gare che fanno parte del calendario dei trail della Sfida dei Sentieri Sardi, all’ultimo atleta in una gara verrà assegnato un terzo del punteggio massimo del primo.

Nel nostro esempio, se il primo atleta avrà 150 punti, l’ultimo se ne aggiudicherà 50.
In proporzione, tra la prima e l’ultima posizione, si calcoleranno tutti gli altri.

 

Ora, per chi si vuole cimentare con la matematica, qui di seguito illustriamo la formula applicata. 

Per ogni gara del circuito portata a termine, ad ogni atleta partecipante sarà assegnato il seguente punteggio P:

P=A*(min+(1-min)*[(N-C)/(N-1)]2)

dove:

N=numero atleti classificati
C=posizione in classifica
A=valore della gara
min=punteggio minimo

Vediamo, per esempio, i punteggi che avrebbero il primo (C=1), l’ultimo (C=N) e l’atleta di metà classifica (C=(N+1)/2)
C=1 P=A
C=N P=A*min

C=(N+1)/2 P=A*(min+(1-min)/4)

Per esplicitare ulteriormente, se A=100 e min=1/3, si otterrebbe:
C=1 P=100
C=N P=33
C=(N+1)/2 P=50

Il parametro “min” rappresenta quindi il rapporto fra il punteggio dell’ultimo classificato e quello del primo.

NOTA:
Per la parte relativa alla creazione della formula di calcolo si ringrazia sentitamente Lorenzo Pisani!